DIEGO FUSARO, ESSERE SENZA TEMPO. ACCELERAZIONE DELLA STORIA E DELLA VITA (Bompiani, 410 pagg., 12 euro, con prefazione di Andrea Tagliapietra)

segnalo con gioia che e’ uscito in questi giorni, in tutte le librerie d’Italia, il mio nuovo libro: DIEGO FUSARO, ESSERE SENZA TEMPO. ACCELERAZIONE DELLA STORIA E DELLA VITA (Bompiani, 410 pagg., 12 euro, con prefazione di Andrea Tagliapietra). Per info: http://www.filosofico.net/esseresenzatempo.htm .
Dalla quarta di copertina:

“Come massima disgrazia della nostra epoca, che non permette ad alcunche’ di pervenire a maturita’, devo considerare il fatto che nell’istante prossimo si consuma quello precedente, si sprecano i giorni e si vive sempre alla giornata, senza combinare nulla” (J. W. Goethe, lettera del novembre 1825)

Viviamo nell’epoca della fretta, un “tempo senza tempo” in cui tutto corre scompostamente, impedendoci non soltanto di vivere pienamente gli istanti presenti, ma anche di riflettere serenamente su quanto accade intorno a noi. Di qui il paradosso di una filosofia della fretta, nel tentativo di far convergere la “pazienza del concetto” e i ritmi elettrizzanti del mondo. L’endiadi di essere e tempo a cui Martin Heidegger aveva consacrato il suo capolavoro del ’27 sembra oggi riconfigurarsi nell’inquietante forma di un perenne essere senza tempo. Figlio legittimo dell’accelerazione della storia inaugurata dalla Rivoluzione industriale e da quella francese, il fenomeno della fretta fu promosso, sul piano teorico, dalla passione illuministica per il futuro come luogo di realizzazione di progetti di emancipazione e di perfezionamento. La nostra epoca “postmoderna”, che pure ha smesso di credere nell’avvenire, non ha per questo cessato di affrettarsi, dando vita a una versione del tu
tto autoreferenziale della fretta: una versione nichilistica, perche’ svuotata dai progetti di emancipazione universale e dalle promesse di colonizzazione del futuro. Nella cornice dell’eternizzazione dell’oggi resa possibile dalla glaciale desertificazione dell’avvenire determinata dal capitalismo globale, il motto dell’uomo contemporaneo – mi affretto, dunque sono – sembra accompagnarsi a una assoluta mancanza di consapevolezza dei fini e delle destinazioni verso cui accelerare il processo di trascendimento del presente.

INDICE:

Prefazione di Andrea Tagliapietra

1. Non c’e’ tempo! Modernita’ irrequieta.

1. Mi affretto dunque sono. Fenomenologia della fretta.
2. L’impazienza della storia: cenni sul moderno regime di temporalita’.
3. Tutto corre. Ipertrofia dell’aspettativa e “futuro-centrismo” dei concetti.
4. The time is out of joint: tutto cio’ che e’ solido si dissolve nell’aria.

2. Che fretta c’era? Genealogia dell'”essere-senza-tempo”.

1. Rivoluzione industriale e velocizzazione della tecnica, della scienza e della produzione.
2. Dialettica dell’impazienza. Rivoluzione francese e accelerazione del mutamento socio-politico.
3. Lotte per il tempo. Accelerazione dei ritmi di vita e sindrome della fretta.
4. Le “locomotive della storia”: il treno come simbolo della temporalita’ moderna.

3. Sempre piu’ veloce. Testimonianze moderne del tempo rapido.

1. Carpe diem. Tempo che stringe e passione per il futuro.
2. Il piu’ veloce dei mondi possibili. Fretta e utopie del tempo nella letteratura.
3. “Come se la storiografia non riuscisse piu’ a tenere il passo della storia”: il punto di vista degli storici.
4. “Verro’ presto!”: la fretta come secolarizzazione di un’idea ebraica e cristiana.
5. La genesi dell’idea di “abbreviazione dei tempi” tra religione e scienza.

4. Tempus fugit. Filosofie della fretta.

1. Riguadagnare il tempo perduto: strategie dell’alta velocita’.
2. Kant e l’accelerazione del progresso come imperativo categorico dell’umanita’.
3. Hegel e lo “Spirito del mondo” con gli stivali delle sette leghe.
4. Il tempo delle merci: Marx e la concezione materialistica dell’accelerazione.
5. Time is money. Capitalismo e astuzia dell’accelerazione.
6. Lenin, Hitler e le “cronopolitiche” della fretta.

5. Accelerazione senza futuro e nichilismo della fretta.

1. Il disagio della velocita’ e la tirannia dell’istante.
2. Niente tempi morti, per favore! Internet e la fretta globalizzata.
3. Dal “futuro passato” all'”eterno presente”: accelerazione postmoderna.
4. Elogio della tartaruga. Cairologia consumistica e nuove emorragie di tempo.
5. Eternizzazione del presente, desertificazione dell’avvenire.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: