Antonio Saccà: Emanuele Severino ha dedicato gran parte della sua esistenza al capitalismo, e allo studio del capitalismo

Per Severino l’Occidente ha un destino, il destino dell’Occidente è quello di scadere nella volontà di potenza, privandosi di concezioni di ben diversa consistenza e validità. La volontà di potenza caratterizza l’Occidente, perché l’Occidente è in balia del «divenire». Il divenire è, in Severino, il sottrarsi continuo delle cose a se stesse, un essere e non essere contemporaneamente, un venire dal niente e andare verso il niente, esso contiene l’antitesi insormontabile, ritenere l’essere idoneo a morire. Cosa da folli: come può l’essere non essere! Il peccato originale dell’Occidente, è considerare che la realtà diviene e muore. Che rapporto ha questa convinzione di Severino con il capitalismo? L’Occidente è passato da una visione della società in cui era la filosofia a guidare la politica, ad una situazione in cui era l’economia a guidare la politica, ad una fase in cui è la tecnocrazia a guidare la politica. 

da   Il Tempo – Spettacoli – di Antonio Saccà Emanuele Severino ha dedicato gran parte della sua esistenza al capitalismo, e allo studio del capitalismo..

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...