9 pensieri riguardo “NICOLA MAGLIULO, Cacciari e Severino. Quaestiones disputatae, Mimesis, 2010, p. 126

  1. Buonasera professore, complimenti per il blog. Le segnalo il dialogo tra Vitiello, Severino e Sorondo. Lei potrà verificare se sia già presente sul Suo blog. E’ un video del 2014 che ha avuto poche visualizzazioni (nel titolo non compaiono i nomi dei dialoganti).
    Convegno Seeing beyond 25 settembre 2014 parte 2/7

    Cordiali saluti

    Mi piace

  2. Grazie professore per avrermi segnalato la pagina Di Vasco Ursini.
    Mi sono accostato tardi alla filosofia, sono un autodidatta.
    C’è chi ritiene che una perfetta intellettualizzazione come quella di Severino sia solo il freno della sua nevrosi/psicosi: il filosofo bresciano non ha mai accettato la scomparsa del fratello. Questa tesi me l’ha sbattuta «in faccia» un ex allievo di Severino, me l’ha spiattellata nel corso di un recente dialogo (in privato su facebook) che tale ex studente disincantato ha avuto con me. E’ un ex studente della Ca’ Foscari che ormai guarda quasi esclusivamente a Nietzsche, Cioran e Jaspers; egli ritiene che Gloria e Gioia siano solo paradisi mitici senza luogo.
    Ma tale ex studente non è riuscito ad allontanarmi dalla lettura degli scritti di Severino. Non credo alle interpretazioni psicologiche: è tutto da dimostrare che sia il vissuto a determinare la direzione dei nostri pensieri.
    A mio avviso le domande teoretiche sollevate da Severino, sulla scia dell’insegnamento di Bontadini, restano in piedi: le cose diventano altro? E’ sperimentabile lo squartamento delle cose? Che cosa significa annientamento? Che cos’è il niente? Non si tratta di puri esercizi mentali, ma sono tremende domande metafisiche con cui siamo chiamati a fare i conti.

    Cordiali saluti

    Mario Ciattoni

    Mi piace

    1. caro mario (ci diamo dl tu alla inglese: you?) pure io sono un autodidatta. sono sociologo e ho fatto il docente di politiche sociali nelle scuole universitari per assistenti sociali e per educatori professionali (trovi molto della mia attività in questo blog: mappeser.com)
      mi sembra esagerato far risalire l’immensità del pensiero a una non elaborata morte, per quanto dolorosa debba essere stata
      sono quindi d’accordo con te e con le tue domande
      io del pensiero filosofico di severino riesco a comprendere solo una parte. molti suoi libri mi sono inaccessibili
      ma sta di fatto che quello che capisco è molto in grado di orientarmi nel tempo presente e nei miei studi sui servizi . se poi qualcuno vuole metterla in psicanalisi faccia pure. sono in molti (in tempo di internet) a “odiare ” severino. pazienza , fatti loro
      ciao e buoni giorni di riflessione e vita

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...