Jean Baudrillard, La morte naturale

Alla definizione biologica della morte e alla volontà logica della ragione corrisponde una forma ideale e standard di morte, che è la morte “naturale”.

E’ una morte ”normale” perché arriva “al termine della vita”.

Il suo stesso concetto nasce dalla possibilità di far arretrare i limiti della vita : vivere diventa un processo di accumulazione, e la scienza e la tecnica entrano in gioco in questa strategia quantitativa.

Scienza e tecnica non hanno affatto appagato un desiderio originale di vivere  il più a lungo possibile – è solo il passaggio dalla vita al capitale vita (a una valutazione quantitativa), attraverso una districazione simbolica della morte, che fa sorgere una scienza e una tecnica biomedica del prolungamento della vita

La morte naturale non significa quindi l’accettazione d’una morte che sarebbe nell’ “ordine delle cose”, ma una negazione sistematica della morte.

La morte naturale è quella che dipende giurisdizionalmente dalla scienza, e che ha la vocazione a essere sterminata dalla scienza.

Questo significa in chiaro: La morte è inumana,irrazionale, insensata, come la natura quando non è addomesticata (il concetto occidentale di “natura” è sempre quello d’una natura rimossa e addomesticata).

La buona morte è solo quella vinta e sottomessa alla legge : questo è l’ideale della morte naturale.

( da Jean Baudrillard, Lo scambio simbolico e la morte, Feltrinelli, p. 179 )

 

3 pensieri riguardo “Jean Baudrillard, La morte naturale

  1. …”come la natura quando non è addomesticata”…
    A differenza di tutti gli esseri che popolano la terra, l’uomo pensa, e ogni pensiero gli racconta la sua totale estraneità alla terra.
    “Gettato nell’infinita immensità degli spazi che ignoro e che non mi conoscono, provo spavento”, dice Pascal, e non allude all’infinità degli spazi cosmici, ma alla loro ignoranza della vicenda umana: “Non mi conoscono”. L’indifferenza della terra, la sua estraneità all’evento umano che ospita a sua insaputa, e a cui invia solo un messaggio di solitudine…
    …La volontà di potenza è il tratto dell’Occidente, e l’occidente è un segno della terra. Come tutti i segni, anche il segno che racchiude l’Occidente è segretamente abitato dal simbolo come memoria dell’antico legame…
    (Umberto Galimberti – La terra senza il male – Jung: dall’inconscio al simbolo – Introduzione pagg. 13, 14, 15 Ed. Campi del Sapere\Filosofia 1984)

    Mi piace

  2. ciao grazia
    conosco poco baudrillard. nel 1972 ebbi la fortuna di vincere una modesta borsa di studio per parigi. girando per librerie mi portai a casa qualche volumetto di baudrillard
    ma non è mai entrato nelle mie corde emotive ed intellettuali
    questa tua citazione mi riporta a quell’autore
    ed essendo io “devoto” dell’apprendimento, la prendo come un messaggio importante di riflessione
    il tuo messaggio è proprio nella linea della antologia del tempo che resta e dunque lo pubblico anche lì, come tuo contributo di pensiero
    grazie ancora per la tua presenza forte in questi momenti della mia esistenza
    un abbraccio
    paolo

    Mi piace

  3. cara simona,
    non conosco bene baudrillard. mi ha sempre allontanato il suo tono saccente ed apocalittico
    però questa citazione me l’ha inviata una amica per l’antologia del tempo che resta e vedo qualche connessione con il mio (attuale) “maestro: emanuele severino
    grazie per il tuo commento
    paolo

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...